“Il Centrafrica è una polveriera”

“Il Centrafrica è una polveriera pronta ad esplodere” ha avvertito Mons. Dieudonné Nzapalainga, arcivescovo di Bangui e presidente della Conferenza episcopale centrafricana (Ceca), alla vigilia della sua audizione tenuta ieri presso il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (Unhrc), nella sede di Ginevra.

Mons. Nzapalainga è stato invitato nel paese africano per descrivere la drammatica situazione umanitaria nella quale vive la popolazione.

Secondo un comunicato inviato all’Agenzia Fides da Caritas Internationalis, Mons. Nzapalainga intende chiedere di ampliare il ruolo della missione di pace dell’Unione africana in Centrafrica (Misca) al fine di garantire migliori condizioni di sicurezza; di avviare di una missione umanitaria internazionale; di creare una commissione elettorale indipendente per organizzare elezioni attendibili e di iniziare indagini sui crimini contro l’umanità da parte della Corte penale internazionale.

Il caos che si è generato dalla caduta del vecchio governo nel marzo di quest’anno, con l’arrivo al potere dei ribelli Seleka, continua ad avere pesanti conseguenze sulla popolazione.

Particolarmente colpite sono donne e ragazze perché, afferma Mons. Nzapalainga, “i casi di stupro sono incalcolabili. Le persone vengono uccise, le case bruciate e le donne violentate dai ribelli”.

Secondo l’Arcivescovo gli effettivi dei ribelli sono passati dalle 3.500 persone di marzo alle 25mila di oggi, anche attraverso il reclutamento forzato di diversi bambini. I ribelli continuano inoltre a ricevere costanti rifornimenti di armi, mentre i civili si stanno organizzando in gruppi di autodifesa dotati di armi improvvisate.

Secondo Mons. Nzapalainga, attualmente l’area più colpita è quella di Bossangoa, 300 chilometri a nord dalla capitale Bangui, dove duemila case sono state bruciate e 37mila persone hanno cercato rifugio nella locale missione cattolica. Le condizioni di vita degli sfollati sono drammatiche: le malattie, la mancanza di igiene e la scarsità di cibo provocano la morte di 4-5 persone al giorno.

fonte: Agenzia Fides

Categorie: Crisi umanitarie, Repubblica Centrafricana | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: