L’instabilità nel Congo orientale

Una delle aree dell’Africa sub-sahariana maggiormente caratterizzate da un perenne scenario d’instabilità è l’est della Repubblica democratica del Congo (RdC), dove l’ultima importante ribellione porta la sigla dei miliziani dell’M23, il Movimento per il 23 marzo, una formazione di matrice filo-ruandese che nell’aprile 2012 ha imbracciato le armi contro il governo centrale.

Secondo i ribelli, l’esecutivo di Kinshasa era reo di non aver rispettato gli accordi di pace siglati il 23 marzo del 2009 con gli ex ribelli del Cndp (Congresso nazionale per la difesa del popolo), una formazione paramilitare tutsi di base nelle province orientali del Congo dal 2006 al 2010, sulla scia della quale è nato l’M23.

Per un anno e mezzo, i circa tremila miliziani del movimento hanno seminato caos e morte in tutto il Kivu fino a prendere, nel novembre 2012, la città di Goma, capitale della provincia e città strategica dell’est della RdC, per poi ritirarsi alcuni giorni dopo.

La svolta finale nella guerriglia tra l’esercito regolare congolese (Fardc) e i combattenti dell’M23, è avvenuta all’inizio del novembre 2013, dopo una serie di vittorie militari di grande importanza strategica ottenute dalle Fardc, che avevano costretto i ribelli a rifugiarsi in un piccolo triangolo di terra al confine con il Ruanda.

La fine ufficiale del conflitto è stata sancita il 13 dicembre dello scorso anno, con la firma a Nairobi di un accordo di pace tra i ribelli e il governo della RdC. Un’intesa non priva d’importanza per evitare che in futuro l’M23 possa riprendere la lotta armata contro Kinshasa.

Le violenze nella regione orientale del paese, però, non si sono fermate in conseguenza di alcune contese irrisolte, legate allo sfruttamento delle risorse e a questioni razziali che coinvolgono tutta la regione dei Grandi Laghi.

Contese che hanno dato origine a una serie di conflitti che negli ultimi due decenni hanno colpito la RdC e che il New York Times ha definito “tra le più intricate, prolungate e mortali guerre del mondo”(…) continua a leggere su Informazioni della Difesa on line

 

Categorie: Conflitti | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: