Dopo 12 anni ritrova i gorilla con cui era cresciuta

Dopo dodici anni di attesa, Tansy Aspinall ha riabbracciato i due gorilla con cui era cresciuta. Il primo incontro tra Tansy, che all’epoca aveva appena 18 mesi, e i due primati era avvenuto in Inghilterra all’interno dell’Howlett Wild Animal Park nel Kent, il giardino zoologico gestito dal padre di Tansy, Damian.

Oggi 25enne designer di gioelli, la ragazza diventò famosa quando furono diffuse una serie di foto che la ritraevano bambina giocare con i gorilla Djalta e Bims. Nelle immagini la cucciola di essere umano veniva cullata teneramente tra le braccia dei primati, che scambiavano carezze e baci con la piccola.

Tansy non aveva alcun ricordo del suo primo incontro ravvicinato con un gorilla, che il padre immortalò con la sua macchina fotografica. Anche se, all’epoca le foto sollevarono numerose proteste da parte degli animalisti e nel 2002 i primati furono liberati per tornare in Africa.

Ma la ragazza ricorda di aver giocato spesso in compagnia della sorella Clary sul prato con Djalta e Bims e anche di essere entrate insieme nelle gabbie con altri gorilla, ma il rapporto con i due primati ritrovati in Gabon era davvero speciale per le due bambine, tanto da considerarli come loro parenti.

Oltre che da suo padre, Tansy ha ereditato la sua passione per gli animali da suo nonno John, gestore di zoo e casinò, considerato uno dei personaggi più colorati delle notti della swinging London negli anni sessanta.

Così, dodici anni dopo il ritorno dei due gorilla nei luoghi d’origine, papà e figlia si sono messi sulle loro tracce e quattro mesi fa hanno raggiunto il cuore della foresta del Gabon e sono riusciti a incontrare Djalta e Bims.

Tutto è avvenuto dopo poche ore di ricerca, quando padre e figlia hanno avvistato due volti noti che li scrutavano con aria interrogativa dalla fitta foresta. E, pur non avendo visto i loro amici umani per molti anni, i due gorilla gli sono andati incontro.

Durante il loro abbraccio si sono strofinati i nasi, hanno condiviso baci e si sonno annusati a vicenda in un profondo rituale animale. Un legame chiaramente forte che ha resistito al passare del tempo.

Guarda il video dell’incontro su YouTube

http://www.youtube.com/watch?v=aq3pTzCJY58

 

Categorie: Ambiente | Tag: , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: