Le incognite sull’ultimo accordo di pace in Sud Sudan

Molte speranze sono state riposte nella firma dell’ultimo dei sei accordi per riportare la pace in Sud Sudan, siglato lo scorso 8 novembre ad  Addis Abeba dal presidente Salva Kiir Mayardit e dall’ex vicepresidente, ora capo dell’opposizione armata, Rieck Machar Teny.

Tanto che l’etiope Seyom Mesfin, capo dei negoziatori dell’Igad (Autorità intergovernativa per lo sviluppo), l’organizzazione regionale impegnata nel tentativo di trovare una soluzione alla crisi sud sudanese scoppiata un anno fa, si è dichiarato convinto che questa volta la tregua non sarà violata perché le conseguenze per ambo le parti sarebbero insostenibili, visto che in caso di ripresa delle ostilità sono previste dure sanzioni e “misure punitive” per i responsabili.

Ma tutti i precedenti accordi di pace sono stati ripetutamente infranti sia dalle forze governative che dai ribelli e il rischio che anche quest’ultimo sia disatteso è sempre latente. Lo dimostra il fatto che già poche ore dopo la firma, dal Sud Sudan giungevano notizie di ripetuti attacchi in spregio al nuovo impegno di cessate il fuoco, mentre le ultime ostilità risalgono allo scorso 26 novembre, quando il gruppo ribelle guidato da Machar, ha accusato le truppe governative fedeli al presidente Kiir di aver sferrato un’offensiva contro le loro postazioni di Fangak, contea nello stato di Jonglei.

Stando ai fatti, la strada verso una soluzione della crisi sud sudanese sembra ancora coperta da ostacoli di diverso genere, ma forse la preoccupazione maggiore viene proprio dalle dichiarazioni del capo mediatore dell’Igad, che lasciano intendere come la tenuta dell’intesa sia dovuta più alla minaccia di gravi ripercussioni che ad una volontà genuina di porre fine agli scontri.

Gli ultimi mesi di guerra civile hanno infatti dimostrato quanta poca importanza entrambe le parti riservino ai trattati e anche alla stessa minaccia di sanzioni. E’ dunque da vedere se l’accordo raggiunto ad Addis Abeba sarà in grado di porre fine a un conflitto che ha già provocato decine di migliaia di vittime.

 

Categorie: Conflitti, Politica | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Sulla Via della seta, tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: