Approvata la controversa legge antiterrorismo in Kenia

image

Protesters are beaten with wooden clubs and arrested by riot police outside the Parliament building in Nairobi, Kenya, on December 18, 2014

“Sono sicuro che non troverete niente in questa legge che vada contro la dichiarazione dei diritti o altre disposizioni previste dalla Costituzione, perché il suo intento è quello di proteggere la vita e le proprietà di tutti i cittadini”, ha affermato il presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, nel firmare la controversa riforma della legge antiterrorismo, approvata nel caos dal Parlamento due giorni fa.

Il presidente ha spiegato che: “le preoccupazioni avanzate da diverse parti sono state prese in considerazione dalle commissioni parlamentari competenti”.

Nel corso del dibattito parlamentare sono state modificate alcune disposizioni previste nel testo presentato dalla maggioranza governativa, ma l’opposizione ritiene queste misure insufficienti per far venire meno i timori di una svolta antidemocratica della legislazione nazionale.

Per esempio, la legge prevede una pena di venti anni per chi “difende, promuove, consiglia o favorisce un atto terroristico”, ma si deve dimostrare che si ha “l’intenzione di commettere l’atto terroristico”.

Non è stata però emendata la norma che prevede tre anni di carcere per i giornalisti che “disturbano l’inchiesta o le operazioni antiterrorismo” e per coloro che pubblicano immagini delle vittime del terrorismo senza il consenso della polizia.

Questa norma è criticata anche per le polemiche legate alla gestione, da parte delle forze di sicurezza, del sequestro di persone al centro commerciale Westgate, nel settembre 2013.

Le forze di sicurezza potrebbero usare la nuova normativa, che porta da 90 a 360 giorni la custodia cautelare in carcere, per impedire inchieste sul loro operato, lasciando spazio ad abusi e violazioni dei diritti umani, tanto più che la legge amplia la facoltà della polizia e dell’intelligence di effettuare intercettazioni telefoniche. Fonte: Agenzia Fides

Categorie: Diritti umani, Kenya, Terrorismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AfricanVoices

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Sulla Via della seta, tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: