Chi sono esattamente gli Shabaab e quali sono i loro obiettivi

Al-Shabaab’s war flag

Il gruppo jihadista al-Shabaab continua a seminare morte e compiere stragi di cristiani in Kenya, dove all’alba di ieri, un commando armato degli islamisti somali ha assaltato la North-Eastern Garissa University e dopo aver eliminato due agenti addetti alla sorveglianza, ha preso in ostaggio gli studenti del Campus. Nella stessa spietata maniera in cui lo scorso 22 novembre avevano operato l’attacco all’autobus diretto verso Mandera, i miliziani somali hanno separato i giovani in due gruppi, dividendoli secondo la fede religiosa di appartenenza.

Dopo la distinzione, i musulmani sono stati liberati, mentre i cristiani sono stati giustiziati a sangue freddo e secondo le testimonianze dei sopravvissuti al massacro, alcuni di essi sarebbero stati decapitati.

Il portavoce degli Shebab, Sheikh Ali Mohamud Rage, ha rivendicato l’attacco con una telefonata all’agenzia Afp nella quale ha confermato che “i musulmani sono stati separati dagli altri e lasciati andare”, giustificando il blitz con il fatto che “il Kenya è in guerra con la Somalia e dunque la nostra gente ha la missione di uccidere chiunque è contro gli Shabaab”.

Una taglia di cinque milioni di scellini kenyani (quasi cinquantamila euro) è stata messa sulla testa di Muhammad Kuno, conosciuto anche come “Dulyadeyn” (che in somalo significa ambidestro), considerato la mente dell’attacco. Il terrorista, prima di entrare a far parte degli Shabaab, era il direttore di una scuola islamica proprio a Garissa, un incarico che ha poi lasciato nel 2007.

L’assalto di ieri all’ateneo è il più grave attacco terroristico avvenuto in Kenya dal 2013, quando proprio gli Shabaab assaltarono lo shopping center Westgate a Nairobi, uccidendo 67 persone.

Per approfondire la questione e capire chi sono esattamente gli Shabaab somali, quali sono i loro obiettivi e perché attaccano in Kenya, rimando alla lettura di un mio saggio intitolato “La minaccia jihadista nell’Africa sub-sahariana” e pubblicato sull’ultimo numero della rivista di geopolitica del think tank “Il Nodo di Gordio”, dedicato a i “Masters of Terror”.

Dopo la notizia dell’attacco all’Università di Garissa, l’analisi è stata pubblicata anche sul sito web de “Il Nodo di Gordio” e può essere letta cliccando sul seguente link:

http://www.nododigordio.org/breaking-news/al-shabaab-fa-strage-di-studenti-cristiani-alluniversita-di-garissa/

Categorie: Kenya, Terrorismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AfricanVoices

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Sulla Via della seta, tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: