Il saccheggio militarizzato delle risorse in Congo

congo07fo10__1432915504_32874

A very young girl breaks up rock at an abandoned state-owned copper mine in the city of Kipushi (DRC)

Può sembrare paradossale, ma in alcuni casi l’abbondanza di risorse naturali può trasformarsi in una disgrazia. Come possa accadere lo si capisce leggendo il nuovo rapporto sul saccheggio delle risorse naturali nell’est della Repubblica democratica del Congo (RdC) pubblicato dall’Unep, il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente.

La relazione riesaminata nella riunione di esperti dell’organismo di Nairobi tenutasi a Goma, tra il 17 e il 18 febbraio scorso, denuncia il coinvolgimento di alcuni gruppi criminali internazionali militarizzati in un vasto traffico di minerali come oro, legname, carbone e avorio.

Un giro di affari quantificato tra i 700 milioni e 1,3 miliardi di dollari l’anno, in cui il commercio dell’oro costituisce una delle maggiori entrate illegali, pari a 120 milioni di dollari l’anno.

I ricercatori dell’agenzia specializzata dell’Onu ritengono che questi fondi siano utilizzati per finanziare oltre 25 gruppi armati (49 secondo alcune stime), congolesi e stranieri, che continuano a destabilizzare la zona orientale del Congo, alimentando continui conflitti in una regione in cui, da quasi vent’anni, le successive ribellioni hanno seminato terrore e caos tra la popolazione locale.

I gruppi armati sono riusciti ad assicurarsi la loro sopravvivenza attraverso strategie collaudate, mentre le reti criminali transnazionali che operano dentro e fuori della RdC, soprattutto nei Paesi limitrofi, come Uganda, Ruanda, Burundi e Tanzania, potrebbero cercare di controllare le fazioni in lotta nella RdC orientale seguendo la logica del “divide et impera”.

Per mezzo di quest’antica strategia, cercherebbero di impedire a ogni singolo gruppo di raggiungere un ruolo dominante nel monopolio delle estrazioni rispetto agli altri, evitando, in tal modo, che possa interferire con lo sfruttamento illegale gestito da queste reti.

Secondo l’Unep, solo il 2%, equivalente a 13 milioni di euro, degli utili netti dei traffici è destinato ai gruppi ribelli. Tuttavia, si tratta di una cifra idonea a garantire il mantenimento di base di circa 8mila combattenti e permettere alle fazioni sconfitte di riemergere e di destabilizzare la regione.

Il controllo delle zone più ricche di minerali è dunque uno degli elementi che alimentano l’instabilità cronica provocata dalle varie milizie attive nell’est della RdC, soprattutto nella parte orientale, nel Kivu e nel Katanga, province che sfuggono in gran parte alla vigilanza delle autorità statali.

In queste aree viene estratto anche il coltan, un minerale molto duro, denso, resistente al calore e alla corrosione, essenziale per la produzione dei condensatori di computer portatili, telefoni cellulari, dispositivi video, dispositivi audio digitali, console giochi e sistemi di localizzazione satellitare.

Anche in questo caso, il controllo della produzione di questo prezioso minerale è oggetto di contesa da parte dei gruppi ribelli con gravi ripercussioni sulla popolazione locale e sullo sviluppo dell’area. Ma l’aspetto più inquietante è insito nel modo in cui avviene lo sfruttamento dei giacimenti di coltan, dove le persone sono costrette a lavorare quindici ore al giorno per pochi centesimi di dollaro.

Nella RdC si sono combattute diverse guerre per il controllo delle risorse minerarie, che negli ultimi due decenni hanno causato cinque milioni di morti. Per porre fine a queste stragi, il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, il 29 novembre 2010, ha adottato la risoluzione 1952 che richiama gli Stati membri a mettere in atto misure di diligenza ragionevole per conoscere l’origine dei minerali e assicurarsi che il ricavato di quelli importati non vada a beneficio di uomini armati, compresi i militari dell’esercito congolese.

A sua volta, un altro rapporto intitolato “Qui Cherche ne Trouve Pas” (Chi cerca non trova), fornisce una valutazione completa di 17 operazioni minerarie in tutta la RdC. La ricerca è stata condotta dal Carter Center in collaborazione con la Piattaforma degli organizzazioni della società civile impegnate nel settore minerario (Pom), la Casa delle miniere del Kivu, e il Programma di concertazione  sulle risorse naturali dell’Ituri.

Le reti hanno utilizzato un “indice di trasparenza”, che misura la completezza, l’accessibilità e l’affidabilità delle informazioni di pubblico dominio per ciascun progetto minerario e assegna punteggi sulla base di tale valutazione.

Sulla base di questa tipologia di analisi, sono state riscontrate numerose irregolarità tra cui la mancata pubblicazione da parte del ministero delle Miniere congolese di almeno 62 contratti, emendamenti e rispettivi allegati, in violazione di un decreto governativo che ne impone la pubblicazione di questi documenti entro sessanta giorni dalla loro firma.

Infine, altre segnalazioni di mancata osservanza degli obblighi di trasparenza sul commercio dei minerali nell’Africa centrale giungono dal recentissimo rapporto “Digging for Trasparency”, realizzato da Amnesty International e Global Witness.

Lo studio rivela che quasi l’80% da parte delle società quotate in borsa negli Stati Uniti non verificano correttamente se i loro prodotti contengono minerali provenienti da zone di conflitto dell’Africa centrale e non forniscono sufficienti informazioni a questo proposito. Una prassi che non aiuta certo a rompere i legami fra il commercio di minerali e gruppi armati nella RdC.

Scritto per Eastonline

Categorie: Diritti umani, Traffici illeciti | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: