Intervista su Boko Haram, dopo gli ultimi attentati

boko_haram_violence__1436261949_76162Nell’ultima settimana i morti causati dalla furia omicida di Boko Haram sono stati oltre duecento. Un autentico bagno di sangue provocato dall’intensificazione degli attacchi, in ottemperanza alle direttive dello Stato Islamico di aumentare gli attentati durante il mese sacro del Ramadan.

L’escalation dei jihadisti nigeriani può trovare risposta anche nel sostegno espresso domenica scorsa dal dipartimento di Stato Usa agli sforzi compiuti dal governo di Abuja per sconfiggere il gruppo islamista.

Un appoggio che verrà ufficialmente confermato il prossimo 20 luglio, quando il presidente nigeriano Muhammadu Buhari sarà ricevuto a Washington da Barack Obama.

Un incontro che, stando alle anticipazioni fornite dalla stampa statunitense, sarà incentrato proprio sulla strategia da perseguire nella lotta contro Boko Haram e servirà a rilanciare la cooperazione militare e di intelligence con Washington che, come ha scritto il New York Times, si è andata sfilacciando costantemente negli ultimi anni dell’amministrazione Jonathan.

Finora, nella lotta contro Boko Haram, Buhari ha adottato una strategia rivelatasi più efficace di quella messa in atto dal suo predecessore. Del resto, il nuovo capo di Stato nigeriano, nel corso della campagna elettorale, aveva promesso di chiudere i conti con Boko Haram nell’arco di sei mesi.

Per fare ciò, ha trasferito il quartier generale delle truppe impegnate nel contrasto agli islamisti a Maiduguri, la storica roccaforte bokoharamista nel nord-est della Nigeria, avviando al contempo uno sforzo diplomatico teso alla formazione di una coalizione di Stati composta da Nigeria, Niger, Ciad, Camerun e Benin per mettere in campo una forza militare adeguata ad affrontare il problema di Boko Haram.

Nei primi tre mesi del suo mandato, all’uomo forte di Abuja va riconosciuto l’indubbio merito di aver capito che la Nigeria non può affrontare da sola una minaccia di tale entità.

Intervista: In Nigeria è un’apocalisse

Di seguito, il link della mia intervista pubblicata oggi dal “Giornale di Sicilia”, riguardo il pericolo di Boko Haram in Nigeria e la minaccia del terrorismo islamista in Africa

Intervista Boko Haram ‘Giornale di Sicilia’

Categorie: Nigeria, Terrorismo | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Sulla Via della seta, tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: