App per traghettare l’agricoltura in Africa nel futuro

The rise of the agriculture app in Africa: how technology is saving the farming industry

L’Africa dell’innovazione gioca da tempo le sue carte migliori nel settore delle applicazioni smartphone o sistemi studiati per semplici cellulari. La tecnologia mobile è diventata un valore aggiunto grazie a sviluppatori e incubatori d’impresa formati da giovani talenti, per quei settori – come l’agricoltura e la pesca – che ancora rappresentano l’economia portante del continente.

di Antonella Sinopoli*

Alcune iniziative fanno capo alla InfoDev, programma di assistenza, supporto e finanziamento nell’ambito dei programmi della World Bank. Si partecipa a competizioni, si mostrano i risultati delle proprie idee e sperimentazioni ed, eventualmente, si accede a finanziamenti e, naturalmente, a una buona dose di pubblicità.

Così è andata – per esempio – per Farmerline in Ghana. In sostanza un programma che consente di inviare messaggi agli agricoltori nelle loro lingue locali. Accesso a informazioni finanziarie, sui prezzi di mercato, su tecniche di coltivazione trasmesse da un team di esperti a contadini sparsi anche in piccoli e isolati villaggi.

E con l’ausilio di coordinate Gps, sempre in Ghana, è stato un modello, il CocoaLink, pensato per mettere in comunicazione i produttori di cacao delle piantagioni dell’area occidentale della Regione (il Ghana è il secondo esportatore mondiale dopo la Costa d’Avorio) e fornire scambi di informazioni sia tra loro che da parte di esperti. Dopo una fase pilota il progetto è passato al Ghana Cocoa Board.

Anche Mlouma – dal Senegal – si rivolge al mondo agricolo, ma fa di più: il sito è anche una piattaforma di e-commerce dove è possibile mettere in vendita e acquistare frutta e verdura dai produttori locali. Ovviamente l’accesso è possibile anche attraverso una app mobile.

In Kenya è direttamente una compagnia telefonica, i-Shamba, ad aver strutturato un sistema che consente agli agricoltori – dietro un modesto costo di abbonamento per il servizio – di ricevere informazioni sulle valutazioni di mercato o suggerimenti e indicazioni in caso di problemi con le colture o il raccolto.

Sempre in Kenya, ma nel settore della pesca, è nato l’Electronic Fish Market Information System (EFMIS-Ke), un progetto per archiviare e inviare informazioni.

Uno strumento pensato non solo per i pescatori, ma per controllare e migliorare la fauna del grande lago Vittoria e dei laghi Turkana, Naivasha, Baringo e l’intera fascia della costa marina. Il progetto porta la firma dell’Istituto di ricerche marine e sulla pesca keniota. E ancora in Kenya, la piattaforma Akili facilita la tracciatura dei prodotti e la catena di produzione.

Altra applicazione mobile rivolta agli agricoltori, stavolta in Tanzania, è Farming Instruction, che si propone di offrire informazioni – online e offline – ai contadini e alle loro comunità. Text To Change, in Burkina Faso, Kenya ma anche Tanzania, è una piattaforma di messaggistica che – spesso in accordo con programmi e campagne dei governi locali – invia informazioni agli utenti e possessori di cellulari.

Applicazioni e utilizzo sempre più diffuso del cellulare hanno anche consentito la crescita dell’home banking. Per molti piccoli agricoltori è ancora difficoltoso capire come accedere a tali servizi e convincersi della loro utilità.

Ma programmi come l’E-voucher in Zimbabwe, l’E-wallet in Nigeria, l’M-Malawi in Malawi, al di là dei numeri e del successo (in alcuni casi mancato), hanno proprio l’obiettivo di aprire canali nuovi e più moderni anche per operazioni commerciali e transazioni di denaro di piccola e media portata.

Il problema è: è disponibile (ed è capace) la vecchia generazione di pescatori e agricoltori dell’Africa sub-sahariana a correre così velocemente per stare al passo con i cambiamenti?

Un recente rapporto della FAO evidenzia il costante processo di urbanizzazione, in corso non solo nel continente Africa. Il Report fa notare anche che l’agricoltura africana è mossa da mani anziane.

L’età media degli agricoltori è 60 anni e questo nonostante il 60% della popolazione africana sia al di sotto dei 24 anni di età. La speranza può venire proprio da un nuovo modello – pare emergente – di giovani proprietari di terre o possessori di imbarcazioni da pesca, urbanizzati ma tecnologizzati.

Vivono in città e spesso hanno un doppio lavoro ma controllano le loro terre e coltivazioni grazie a piattaforme online, app, smartphone.

A questi si rivolge il risultato di una ricerca IBM, EZ-Farm. Il progetto – ancora in fase di sperimentazione – è l’ingegnosa combinazione di un sensore che registra lo stato del terreno, di un sistema di verifica del livello dell’acqua nel serbatoio e di una camera ad infrarossi che registra la crescita delle piante. Tutte informazioni che sarà possibile trasmettere via app agli agricoltori tecnologizzati, ormai all’avanguardia rispetto ai loro padri.

Saranno le app a traghettare l’agricoltura e la pesca in Africa verso il futuro?

*Fonte: Voci Globali

Categorie: Agricoltura, Commercio, Nuove tecnologie | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: