La tv on demand appassiona gli africani

Cinema che passione! Ancor meglio se si possono scegliere i film preferiti, quando si vuole vederli e, soprattutto, vederli dovunque: a casa propria come in viaggio, grazie agli smartphone con sistema operativo Android.

Anche in Africa, movies e serial sono l’intrattenimento preferito. Basti pensare al successo delle pellicole di Nollywood o all’enorme diffusione e circolazione di Dvd e persino, ancora, Vhs di qualità molto scadente ma non per questo meno apprezzati.

Cresce però il pubblico esigente, così come crescono la classe medio borghese – calcolata in 300 milioni di persone – e la diffusione dell’accesso ad Internet. E di pari passo sono andate crescendo come funghi le tv (o video) on demand.

L’ultima a lanciarsi in una fetta di mercato che sicuramente continuerà a crescere nei prossimi anni è Netflix, la multinazionale americana dello streaming on demand. Dopo il Sud Europa (compresa l’Italia) Netflix arriva dunque nel continente africano.

Le sfide sono molte. La tv on demand si rivolge sicuramente all’élite e a chi vive in aree dove la banda larga può dare accesso al servizio. E anche i costi degli abbonamenti prevedono, ovviamente, un’audience di un certo tipo.

Nessun problema – assicurano i manager della multinazionale – l’Africa è  un mercato troppo appetibile per lasciarselo scappare o anche solo rimandare il lancio del servizio.

Anzi, Netflix punta a “rubare” abbonati a DStvla tv satellitare multichoice  lanciata in Africa nel 1995 e che oggi conta oltre cento milioni di abbonati, la maggior parte in Sudafrica e Nigeria. Documentari, musica, intrattenimento e naturalmente film. E l’incremento di anno in anno di nuovi canali e offerte.

La concorrenza giocherà forse su pacchetti meno cari (i costi eccessivi sembrano aver dissuaso nuovi abbonati a DStv) e – pare – su un tipo di programmazione più orientata ai gusti di chi vive in Africa.

Naturalmente le infrastrutture della banda larga avranno il loro peso nel successo di Netflix in Africa, così come l’alto costo delle connessioni adatte allo streaming.

Non a caso, la banda larga è uno dei core business di investitori che cambieranno il futuro del continente in questo senso. Secondo una recente ricerca, l’Africa raggiungerà un miliardo di sottoscrizioni mobili a banda larga entro il 2020.

Il Sudafrica guida il flusso di investimenti nel mercato delle telecomunicazioni, con un indice del 4.35 su 5 seguito da Angola (3.09), Kenya (2.97), Nigeria (2.89) e Ghana (2.85).

Su oltre un miliardo di abitanti ancora solo 331 milioni circa sono connessi ad Internet in Africa, ma questo tipo di numeri vanno valutati tenendo conto dell’incremento costante – più di qualsiasi altra area del mondo – di persone che hanno accesso alla Rete e, soprattutto, alla connessione sugli smartphone.

Ormai il futuro è lì. Ecco perché Netflix dovrà fare i conti anche con molti concorrenti – oltre a DStv – già sul mercato, in quella che è stata definita la battaglia tra miliardari del VOD (video on demand).  Le piattaforme sono davvero tante: dal gigante nigeriano iROKOtv ad AfricaFilmstv; da Buni.tv ad Afrostream disponibile per il momento solo in alcuni paesi e territori francofoni.

Probabilmente nella battaglia un ruolo fondamentale lo giocherà la diffusione degli smartphone, ancor più che dei laptop. Si calcola che entro il 2020 saranno in circolazione 500 milioni di smartphone e – dicevamo – sempre entro il 2020, si toccherà la soglia storica di un miliardo di connessioni di mobile broadband.

Dunque, avrà successo e farà soldi chi asseconderà le due passioni degli africani, soprattutto, naturalmente della nuova generazione: l’uso degli smartphone e i movie.

Antonella Sinopoli [@antosinopoli]

icona_occhioVedi articolo originale su Voci Globali
Categorie: Nuove tecnologie | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: