Africom, prende il via l’Operazione multinazione Flintlock

È iniziata l’esercitazione multinazionale annuale Flintlock, progettata e coordinata dall’Africom, il comando delle forze armate Usa per l’Africa, per sviluppare la capacità e la collaborazione tra le forze di sicurezza africane e proteggere le popolazioni civili. L’obiettivo prioritario di Flintlock 2016 sarà concentrare le forze armate sulla crescente minaccia jihadista nella vasta regione africana, dove negli ultimi mesi si sono registrati ripetuti attacchi da parte di gruppi estremisti legati all’Isis e ad al Qaeda.

Alle manovre partecipano più di 1.700 militari provenienti da trenta diversi paesi africani, europei e nordamericani, tra i quali figurano Burkina Faso, Camerun, Capo Verde, Ciad, Mauritania, Marocco, Niger, Nigeria, Senegal, Tunisia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Le operazioni sono finalizzate al miglioramento della cooperazione multinazionale contro i gruppi jihadisti dell’Africa nord-occidentale, che fanno principalmente capo allo Stato islamico e ad al Qaeda del Maghreb islamico, che da tempo provano a espandersi in quei territori per destabilizzarne i contesti.

L’esercitazione congiunta ha avuto inizio lunedì scorso dall’aeroporto di Thies, in Senegal, per proseguire sino al prossimo 29 febbraio. Il Comando di Africom ha spiegato che Flintlock è mirato a perfezionare lo scambio d’informazioni a livelli operativi e tattici nella regione africana e a promuovere una più stretta collaborazione e coordinazione a livello multinazionale.

Nello specifico, l’obiettivo prioritario di Flintlock 2016 sarà quello di concentrare le forze armate sulla crescente minaccia jihadista nell’Africa nord-occidentale, dove negli ultimi mesi si sono registrati ripetuti attacchi da parte di gruppi estremisti legati ad al Qaeda e degli islamisti nigeriani di Boko Haram, che poco meno di un anno fa hanno giurato fedeltà allo Stato Islamico. Questa vasta regione dell’Africa rappresenta tradizionalmente uno dei maggiori epicentri mondiali del radicalismo islamico.

Di conseguenza, l’importanza strategica di garantire la sicurezza nell’area è primaria e s’inserisce in un’ottica multinazionale, in grado di concentrare la propria attività di contrasto nell’impedire l’instaurazione di ulteriori legami tra le diverse milizie riconducibili all’ideologia islamista, che hanno determinato un unico arco d’instabilità nell’intera macro regione.

Prima dell’inizio dell’addestramento, il comandante per le operazioni speciali dell’AFRICOM, il generale di brigata Donald C. Bolduc, ha spiegato che le forze regionali devono essere organizzate e sostenute con una maggiore condivisione di intelligence per contrastare la crescente minaccia. Bolduc ha poi citato la Mnjtf, la forza d’intervento congiunta multinazionale composta da Nigeria, Niger, Camerun, Benin e Ciad, che ha registrato buoni risultati nella lotta contro gli estremisti islamici di Boko Haram, dimostrando come la cooperazione regionale sia in grado di contrastare la sfida jihadista.

La prima edizione di Flintlock si è svolta nel 2005, con attenzione particolare a tre priorità: sicurezza, lotta al terrorismo e la stabilizzazione dei paesi più poveri attraverso la formazione delle forze di sicurezza locali e l’aiuto umanitario. Nel tempo, il livello di cooperazione tra Africom e i partner africani è andato crescendo e oltre a potenziare i rapporti tra gli Stati Uniti e l’Unione africana, ha anche migliorato quelli tra le stesse nazioni africane. Appare evidente, che l’azione di Africom nel continente africano costituisca parte integrante della politica americana, che subito dopo gli attacchi dell’11 settembre ha focalizzato la propria attenzione all’espansione della minaccia terroristica nella macro-regione nell’intento di salvaguardare i propri interessi strategici.

L’Africa sta inoltre diventando sempre più una priorità per gli Stati Uniti, che mirano a consolidare il rapporto con le nazioni africane e guadagnare punti nel confronto con la Cina, che oltre ad aver superato gli Usa come primo partner commerciale dell’area, ha incentivato il suo impegno nelle missioni di peacekeeping delle Nazioni Unite, soprattutto nel continente nero.

Pechino ha anche deciso di destinare cento milioni di dollari per l’assistenza militare all’Unione africana e ha valutato di aprire proprio in Africa, la sua prima base militare all’estero. La scelta è caduta su Gibuti, paese piccolo ma strategico per la posizione a guardia del Corno d’Africa, dove anche gli Stati Uniti hanno la loro unica base in territorio africano, che ospita 4mila soldati americani.

Articolo pubblicato su Eastwestonline

Categorie: Conflitti | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: