Boko Haram è ancora l’ala africana dello Stato Islamico

A poco più di due anni dal rapimento di 276 studentesse di una scuola superiore a Chibok, nel nord della Nigeria, da parte di Boko Haram, la Cnn ha mostrato un video, risalente a dicembre, in cui appaiono alcune delle ragazze. Il gruppo jihadista ha però destato ancora più scalpore per la recente diffusione di un video in cui il leader Abubakar Shekau, insolitamente smagrito e umile, sembrava voler annunciare la resa.

L’ascesa di Boko Haram

Boko Haram, che in lingua hausa significa letteralmente “l’istruzione occidentale è peccato”, è un’organizzazione fondata nel 2002 da Ustaz Mohammed Yusuf per instaurare la sharia nel Borno, uno dei 36 Stati della Federazione nigeriana.

Il gruppo, inizialmente dedicatosi alla lotta politica – e pacifica – al governo e all’influenza occidentale, è poi passato alla militanza violenta, in particolare dopo l’Operazione Flush, condotta nel 2009 dalla polizia, che portò all’arresto di alcuni membri.

Gl estremsti islamici reagirono con attacchi alla polizia, innescando una spirale di violenza che causò anche un’offensiva militare, con oltre 700 morti e l’arresto del leader Yusuf, poi sostituito dal suo braccio destro Abubakar Shekau.

Dal 2010 il gruppo ha commesso molti omicidi e condotto numerosi attacchi (spesso usando donne e bambini come kamikaze) tra cui uno alla base Onu di Abuja nell’agosto 2011. Ha esteso le sue attività anche in Ciad, Camerun e Niger.

L’ascesa dell’organizzazione non è stata favorita solo dalle divisioni tra musulmani e cristiani all’interno del paese, ma anche da interessi tribali e locali per le risorse, oltre alla diffusa corruzione e povertà.

Oggi Boko Haram compare nella blacklist delle organizzazioni terroristiche islamiste stilata dall’Onu, con conseguente embargo sulla vendita di armi e congelamento dei beni riconducibili ai suoi membri. Secondo l’Institute for Economics and Peace, Boko Haram nel 2014 è stato il gruppo terroristico che ha causato il maggior numero di morti.

Safe Corridor

Tuttavia, di recente sono sempre più numerosi i membri del gruppo che si arrendono, un risultato almeno in parte riconducibile all’operazione Safe Corridor, condotta dalle forze armate nigeriane nel nord-est del paese, con la collaborazione delle forze armate dei paesi vicini.

L’operazione, nata per sfruttare le divisioni interne dell’organizzazione e per far presa sui combattenti decisi a lasciare le armi, è un programma di riabilitazione e amnistia per i jihadisti che si consegnano.

Un approccio completamente nuovo, dato che in passato il governo era stato accusato di imporre condizioni durissime ai nemici catturati. Almeno 800 militanti si sono consegnati nelle ultime settimane e le autorità hanno dichiarato che molti lo hanno fatto per fame, poiché l’esercito nigeriano è riuscito a tagliare i rifornimenti al gruppo.

La Nigeria ha aperto un campo di riabilitazione per favorire la reintegrazione nella società degli ex-combattenti, e altri due saranno in funzione prossimamente.

Resa e smentita

In questo contesto si inserisce un video, risalente all’ultima decade di marzo, in cui il leader Shekau appariva provato e sembrava prospettare un cambio di leadership all’interno del gruppo. Shekau non compariva in video da un anno, situazione che aveva dato vita a voci sulla sua morte o sostituzione.

La veridicità del video, peraltro di bassa qualità, è dubbia: secondo alcuni si tratterebbe di una trappola per fare abbassare la guardia prima di sferrare un nuovo attacco.

Solo una settimana dopo, il 31 marzo, è stato però diffuso un video di smentita, intitolato Investigate, che oltre a ribadire i legami con lo Stato Islamico, riafferma Shekau come leader del gruppo.

Nel video di 13 minuti, dove compaiono nove combattenti mascherati e armati di AK-47, viene letto un testo  in lingua hausa con sottotitoli in arabo, che sottolinea come Boko Haram non accetterà tregue, negoziati o rese e propone il branding del gruppo come “ala occidentale africana dello Stato Islamico”.

Anche se molti militanti si sono arresi, numerosi ostaggi sono stati liberati e il gruppo appare indebolito da una crisi organizzativa, logistica e alimentare, non bisogna dimenticare le decine di migliaia di morti che ha causato e gli oltre due milioni di persone costrette ad abbandonare le proprie case. La situazione, se trascurata, potrebbe fornire un terreno fertile per la riscossa di Boko Haram o di altri gruppi del terrore.

Scritto da Anna Baretta

Fonte: Rivista Europae

Categorie: Nigeria, Terrorismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: