Africa, raro caso di mutualismo tra uomini e animali selvatici

In Mozambico i cercatori di miele possono contare su dei piccoli preziosissimi aiutanti: gli indicatori golanera. Sono piccoli uccelli dell’Africa sub-sahariana imparentati con i picchi, e il loro nome inglese, greater honeyguide (“grande guida del miele”), svela subito come si rendano utili indirizzando i cercatori di miele verso gli alveari più nascosti.

Aiuto che i cercatori ricompensano consentendo agli honeyguide di accedere alla deliziosa cera di cui sono ghiotti e che a differenza della maggior parte degli uccelli riescono a digerire.

Si tratta di una rara relazione di mutualismo tra umani e animali selvatici, probabilmente la prima così strutturata e nota alla scienza dalla fine del 1500. Oggi, su Science, un gruppo di scienziati aggiunge un ulteriore intrigante dettaglio.

La novità, descritta per la prima volta dalla biologa Claire N. Spottiswoode e dai colleghi dell’Università di Cambridge, è che gli indicatori golanera hanno imparato ad associare un significato specifico al richiamo degli esseri umani.

Quando i cercatori di miele emettono un suono simile a “brrrr brrr”, un vero e proprio richiamo specializzato, i loro piccoli compagni piumati non tardano ad avvicinarsi e dare inizio alla “caccia”. Svolazzando velocemente di albero in albero alla ricerca dei preziosi alveari.

Per definizione, un rapporto di mutualismo deve portare un beneficio a entrambe le parti. Per gli umani si tratta di trovare il miele dove da soli non ne sarebbero in grado (nelle parti più alte degli alberi), mentre gli indicatori sfruttano la forza bruta dei loro aiutanti, capaci di allontanare le api sfruttando il fumo e di rompere l’alveare, per arrivare alla cera custodita all’interno e alle uova.

“La cosa più impressionante della relazione tra indicatori e umani è che coinvolge animali selvatici che vivono in natura, le cui interazioni con gli esseri umani probabilmente si sono evolute per selezione naturale, magari nel corso di centinaia o migliaia di anni”, spiega Spottiswoode, che è specializzata nell’ecologia del comportamento degli uccelli africani.

“[…] sappiamo da tempo che è possibile aumentare le probabilità di trovare alveari collaborando con gli indicatori, a volte seguendoli per più di un chilometro. Sono stati Keith e Colleen Begg, che fanno uno straordinario lavoro con la conservazione nel Mozambico settentrionale, a informarmi che gli Yao avevano questa pratica tradizionale di sfruttare un richiamo specifico, che sembrava aiutarli a reclutare gli indicatori. L’idea mi ha intrigata subito. Questi richiami potevano essere un modo per comunicare tra animali selvatici e umani?”.

Spottiswoode ha osservato queste scene nella vita quotidiana della tribù Yao nella Niassa National Reserve, dove i cacciatori di miele alternano una sorta di grugnito al richiamo (qui per ascoltarlo).

Insieme ai colleghi Keith e Colleen Begg, ha raccolto le testimonianze di 20 autoctoni che sfruttano il verso “brrr-hm”, per capire come fossero arrivati a scoprirlo e usarlo in modo tanto efficace. Ognuno di loro l’aveva imparato dal padre, che probabilmente a sua volta l’aveva appreso dal suo.

Un richiamo, dunque un rapporto con gli indicatori, che continua di generazione in generazione. Si tratta del modo migliore per attirare gli indicatori, hanno confermato tutti, ma la prova del nove è arrivata quando i tre scienziati hanno partecipato in prima persona alle spedizioni. Il 75% delle ricerche di miele guidate da un indicatore sono andate a buon fine, permettendo ai cercatori di procurarsi almeno un alveare.

Ma siamo sicuri che il “brr-hm” sia così importante, e che il risultato non sarebbe lo stesso con suoni e richiami diversi? Spottiswoode ha indagato anche questa possibilità, riproducendo per intervalli di 15 minuti il richiamo specializzato e altri due suoni di controllo. Il “brr-hm” aumentava sensibilmente la possibilità di attrarre un indicatore, portandola dal 33% al 66%, nonché quella di riuscire a identificare un alveare, che balzava dal 17% al 54%.

Nel prossimo futuro, Spottiswoode vorrebbe indagare questa relazione ancora più a fondo, scoprendo ad esempio come variano i richiami attraverso l’Africa sub-sahariana. Nelle tribù della Tanzania, ad esempio, i cercatori di miele chiamano gli indicatori con un suono del tutto diverso. Tramandato molto probabilmente anche là di padre in figlio, nel corso dei secoli.

Scritto da Eleonora Degano [@Eleonoraseeing]

Fonte: OggiScienza

Categorie: Ambiente | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

African Arguments

Cercando l'Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

AFRICAN VOICES

Just another WordPress.com site

SguardiPersiani

L'Iran visto da fuori e da dentro......Il blog di Antonella Vicini

Farfalle e trincee

Tra crisi energetiche e crisi esistenziali

Africa is a Country

a site of media criticism, analysis and new writing

Café Africa

Conversations on a continent to be known

Il Ragazzo Geopolitico

Un sito di GloPolitica

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: