Rsf: «Giornalisti sotto assedio in Egitto e nel Burundi»

Preoccupante l’aggiornamento sul numero di giornalisti incarcerati, sequestrati o scomparsi, pubblicato da Reporter senza Frontiere. La ricerca condotta dall’organizzazione indipendente con sede a Parigi, rileva che il Burundi governato da Pierre Nkurunziza e l’Egitto del generale Abdel Fattah al-Sisi, sono tra i paesi più repressivi in assoluto per la libertà d’informazione.

Reporter senza frontiere (Rsf) ha pubblicato il Worldwide Round-up 2016, un aggiornamento dell’ultimo rapporto che stila il bilancio annuale dei giornalisti attualmente reclusi, tenuti in ostaggio o scomparsi in tutto il mondo. La ricerca condotta dall’organizzazione indipendente, che si batte per la difesa della libertà di stampa nel mondo, ha registrato l’aumento del numero di giornalisti arrestati, legato in particolar modo alla situazione in Turchia, dove oltre cento reporter e operatori dell’informazione si trovano in prigione.

Secondo i dati raccolti da Rsf, 348 giornalisti sono oggi detenuti, con un incremento del 6% rispetto al 2015, mentre 52 sono tenuti in ostaggio: nove in meno rispetto a un anno fa. Oltre alla Turchia, gli altri tre paesi dove sono incarcerati il maggior numero di giornalisti sono Cina (103), Siria (28), Egitto (27) ed Iran (24).

In Egitto è in corso un giro di vite da parte del regime di Abdel Fattah al-Sisi contro i media e la libertà di espressione che attualmente costringe in carcere 27 giornalisti. Molti di essi sono stati condannati a lunghe pene detentive, semplicemente per aver seguito o partecipato a manifestazioni politiche dei Fratelli Musulmani, partito islamista dichiarato illegale.

Il report mette in rilievo la figura del giornalista egiziano Mahmoud Abu Zeid, conosciuto come Shawkan, arrestato il 14 agosto 2013, mentre stava lavorando per l’agenzia londinese Demotix, per documentare un sit-in dei sostenitori del deposto presidente Mohammad Morsi, in piazza Rabaa al-Adaweya, al Cairo…

** Continua la lettura su Nigrizia.it

Categorie: Diritti umani | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: