Nuova ondata di attacchi dei pirati somali

I pirati sono tornati a minacciare la sicurezza delle acque al largo della Somalia. Almeno quattro, nel mese di maggio, gli attacchi confermati dalle autorità locali: l’ultimo risale a sabato scorso quando un peschereccio sudcoreano con venti uomini di equipaggio a bordo è stato inseguito per più di un’ora da una motolancia corsara. Dopo cinque anni, è tornata a materializzarsi la minaccia degli assalti dei pirati somali a causa di una serie di fattori.

I pirati somali sono tornati in azione dal 13 marzo scorso, quando al largo delle coste di Alula, nel Puntland, hanno sequestro la petroliera Aris 13, battente bandiera delle isole Comore e di proprietà della emiratina Armi Shipping. La nave cisterna, partita da Gibuti e diretta al porto di Bosaso, è stata attaccata da un gruppo di due dozzine di uomini guidato da Jacfar Saciid Cabdulaahi, appartenente al clan Majerteen.

La Aris 13 è stata abbandonata senza condizioni dagli uomini di Cabdulaahi meno di quarantotto ore dopo, ma l’episodio ha segnato il risveglio dei pirati somali, come dimostrano gli altri undici tentativi di abbordaggio, che hanno fatto seguito al primo dirottamento di un’imbarcazione commerciale nella zona, dal 2012.

Dopo cinque anni, è tornata a materializzarsi la minaccia dei pirati somali, che tra il 2005 e il 2011 aveva reso altamente insicura l’area del Golfo di Aden e delle coste somale dell’Oceano Indiano, dove nel solo 2011, al culmine del fenomeno, si registrarono 237 attacchi, 736 persone e 32 mercantili tenuti in ostaggio, oltre a danni per circa 8 miliardi di dollari. Gli analisti ritengono che il ritorno della pirateria sia dovuto a una serie di fattori quali la siccità, la carestia, la corruzione, l’aumento di armi di contrabbando e l’influenza dello Stato islamico. Anche se l’elemento preponderante è riconducibile al drastico ridimensionamento delle pattuglie dei diversi programmi di controllo marittimo internazionale.

La mancanza per lungo tempo di attacchi nella regione ha reso difficile per le forze internazionali giustificare il dispiegamento di schieramenti navali nel Golfo di Aden. Inoltre, molte delle pattuglie prima impegnate nel contrasto alla pirateria sono state spostate nel Mediterraneo per far fronte alla crisi dei migranti. Il fatto è che le condizioni che favorirono l’innescarsi della pirateria oltre dieci anni or sono non sono mutate. E le organizzazioni criminali che hanno perpetrato la pirateria sono ancora ben attive e solo pochi dei loro leader storici sono stati arrestati e condannati…

** Continua la lettura su Nigrizia.it → 

Categorie: Sicurezza | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: