Darfur, la riduzione dell’Unamid riaccenderà il conflitto

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite entro la fine di giugno deciderà i termini della proporoga della missione Unamid in Darfur. Un report congiunto Ua-Onu, sulla revisione strategica dell’operazione di peacekeeping, ha proposto il ritiro di quasi la metà delle truppe entro un anno e la chiusura di undici basi su un totale di 36. Tutto ciò, con il rischio concreto di lasciare i civili senza protezione di fronte alle continue violenze.

Con tutta probabilità il massimo organo decisionale della comunità internazionale rinnoverà di un anno il mandato della missione ibrida di pace Unione Africana-Nazioni Unite (Unamid), ma nonostante la continua persistenza della crisi, quasi certamente abbatterà la sua scure su quest’ultima. Una decisione che sarà accolta con entusiasmo dal governo sudanese, che da anni sostiene che la regione è ormai uscita dalla crisi e cerca di intavolare trattative per l’exit strategy della missione.

Daniel Bekele, direttore dell’advocacy Africa di Human Rights Watch, ha dichiarato che «i tagli previsti riflettono un falso racconto sulla fine della guerra del Darfur», aggiungendo che «non c’è ragione di credere che gli attacchi del governo contro i civili termineranno finché nella regione potranno operare indisturbate le forze di sicurezza sudanesi e le milizie para-governative, che non hanno mai pagato per i propri crimini e tantomeno possono essere affidabili per la protezione della popolazione».

Le forze sudanesi hanno condotto un minor numero di attacchi contro i civili nei primi cinque mesi del 2017, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In particolare, la riduzione di azioni militari si è registrata dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato di voler togliere le sanzioni economiche contro il Sudan. Tuttavia, la violenza e gli abusi persistono, mentre il governo nega sistematicamente l’accesso ai caschi blu sul terreno e rifiutandosi di rilasciare i visti al personale della missione Unamid.

Tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, le forze sudanesi hanno attaccato villaggi nel Darfur settentrionale e orientale, provocando l’esodo di migliaia di persone. Il rapporto della missione Ua-Onu relativo al primo trimestre del 2017 ha registrato un aumento delle violazioni e abusi dei diritti umani, rispetto allo stesso periodo nel 2016, confermando che le restrizioni imposte da Khartoum stiano seriamente ostacolando le forze di pace nel loro compito di proteggere i civili.

I tagli previsti alla missione di pace fanno parte di un processo di revisione strategica che ha avuto inizio nel 2014, che prevede la riduzione del numero di unità impegnate nelle missioni di pace in tutto il mondo con l’obiettivo di potenziare le zone maggiormente a rischio di violenza, come la Repubblica Centrafricana e il Mali.

Un report congiunto Ua-Onu sulla revisione strategica della missione ha proposto la riduzione di quasi la metà delle truppe entro un anno, la chiusura di undici basi e il ritiro delle forze militari da altri sette siti, su un totale di 36, giustificando la decisione con i miglioramento della sicurezza nell’area.

Le forze dell’Unamid garantiscono attualmente 250 pattugliamenti giornalieri a protezione della popolazione e forniscono scorte militari alle organizzazioni, che danno aiuto umanitario venti volte alla settimana in media.

Nella regione sud-occidentale del Sudan ci sono ancora oggi 2 milioni e 700 mila sfollati, secondo le agenzie dell’Onu, ‘soltanto’ 1 milione e 800 mila secondo il governo di Khartoum. A questi ingenti numeri, vanno aggiunti centinaia di migliaia di rifugiati in Ciad.

Il conflitto, scoppiato nel febbraio 2003 e costato la vita ad almeno 300 mila persone, è stato praticamente oscurato da nuove crisi nella regione, come quella in corso in Sud Sudan oppure nel Kordofan meridionale e nel Nilo Blu, spingendo centinaia di migliaia di civili a fuggire anche da queste aree.

Con lo scorrere del tempo, l’attenzione sul Darfur è andata via via diminuendo, tanto da poter indurre a credere che la crisi sia stata risolta. Niente di più lontano dalla realtà dei fatti, ancora intrisa di violenze e di sangue.

Articolo pubblicato su Nigrizia.it

Categorie: Conflitti | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: