La Sierra Leone al voto per eleggere il nuovo presidente

Oggi 3,1 milioni di elettori sono chiamati alle urne in Sierra Leone per eleggere il nuovo presidente, i membri del parlamento, i sindaci e i delegati amministrativi di quattordici distretti. Il paese si appresta a collaudare la sua giovane democrazia dopo l’epidemia di ebola, che tra il 2014 e il 2015 uccise 3.955 sierraleonesi e mise in ginocchio l’economia, che adesso mostra i primi segnali di ripresa con il Pil in evidente crescita.

La sfida più aperta è quella per l’elezione del nuovo capo dello Stato, che ha 16 candidati in corsa (14 uomini e 2 donne). I pronostici della vigilia danno in vantaggio i candidati del All People’s Congress (Apc) e del Sierra Leone People Party (Slpp), i due schieramenti che hanno sempre dominato la scena politica del paese, da quando nel 1961 ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna. L’aspirante presidente della Repubblica scelto dall’Apc è l’attuale ministro degli Esteri, Samura Kamara, considerato molto vicino al presidente uscente Ernest Bai Koroma che avendo completato i due mandati consecutivi previsti dalla Costituzione non può ripresentarsi.

Per conquistare la massima carica dello Stato, l’Slpp, all’opposizione, ha scelto invece l’ex generale Julius Maada Bio che si presenta per la seconda volta, dopo essere stato sconfitto nelle ultime elezioni del 2012, nelle quali ricevette il 38% dei voti. Tuttavia, c’è da registrare che l’avvento di due nuovi partiti ha stravolto le dinamiche politiche e il bacino di sostegno delle prossime presidenziali. Il primo è la National Grand Coalition (Ncg), che ha candidato il suo leader Kandeh Kolleh Yumkella, già a capo dell’Unido, l’Organizzazione per lo sviluppo industriale delle Nazioni Unite.

L’altra forza politica che potrebbe pesare sulle elezioni di domani è la Coalition for Change (C4C), guidata dall’ex vicepresidente Samuel Sam-Sumana, che ha portato con se una grossa fetta degli elettori delle province nordorientali dell’Apc, dopo essere stato esautorato da Koroma nel 2015. Anche se le possibilità di questi ultimi due candidati di arrivare alla presidenza sono più esigue rispetto a quelle di Samura Kamara e di Bio, gli analisti ritengono che il C4C e l’Ncg potrebbero incidere in maniera rilevante nel risultato finale delle elezioni…

** Continua la lettura su Nigrizia.it →

 

Categorie: Economia, Politica | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: