Le sanzioni Usa fermeranno la guerra etnica in Sud Sudan?

Gli Stati Uniti hanno comminato nuove sanzioni contro il Sud Sudan per ridurre le entrate provenienti dal petrolio, che secondo il Dipartimento di Stato Usa sarebbero utilizzate dal governo di Juba per acquistare armi e finanziare le milizie irregolari attive nel paese. Intanto, il conflitto in corso da più di 4 anni registra un’ulteriore escalation, mentre i colloqui per rilanciare gli accordi di pace dell’agosto 2015 dovrebbero riprendere il 26 aprile in Etiopia.

Le nuove sanzioni economiche imposte lo scorso 21 marzo dagli Stati Uniti contro il Sud Sudan, questa volta hanno preso di mira gli operatori nel settore petrolifero del paese. Si tratta di un elenco stilato dal dipartimento del Commercio di  Washington che comprende 15 compagnie ed enti governativi, le qualise in futuro vorranno concludere affari con società statunitensi dovranno richiedere licenze speciali. Nella black list sono inclusi il ministero delle Miniere e il ministero del Petrolio sud sudanese, oltre alla compagnia petrolifera statale Nile Petroleum e le sue consociate. L’elenco comprende anche il Dar Petroleum Operating Company, un consorzio partecipato per oltre l’80% dalla China National Petroleum Corporation e dalla malese Petronas, le due più grandi compagnie petrolifere che operano in Sud Sudan.

La restrizione commerciale nei confronti di Dar Petroleum è particolarmente rilevante perché attualmente è l’unico consorzio per le esplorazioni di petrolio e gas, che ancora assicura una produzione significativa di greggio, stimata sui circa 110mila barili al giorno. Le sanzioni riguardano anche altre società che controllano i giacimenti petroliferi del paese come Nyakek and Sons, Greater Pioneer Operating, Juba Petrotech Technical Services, Nigeria’s Oranto Petroleum e Sudd Petroleum Operating.

L’anno scorso, il governo di Juba aveva dichiarato di voler raddoppiare la produzione di petrolio a 290mila barili al giorno (bpd) nel corso del 2018. Del resto, non possiamo dimenticare che il Sud Sudan è il paese più dipendente dalla produzione di greggio del mondo, che secondo la Banca Mondiale rappresenta circa il 60% del prodotto interno lordo e la quasi totalità dell’export nazionale. L’ennesima stretta di Washington nei confronti di Juba punta così a ridurre le entrate provenienti dal petrolio, che secondo il dipartimento di Stato americano sarebbero utilizzate dal governo per acquistare armi e finanziare le milizie irregolari attive nel paese.

Le accuse sono più che fondate: basti considerare che solo nel 2014 il governo sud sudanese ha speso un miliardo di dollari in armamenti e ipotecato pozzi di petrolio, che non ha ancora aperto. In pratica, il regime sta svendendo il paese per avere armi e schiacciare la ribellione, dimostrando una totale noncuranza per il futuro della popolazione stremata dal conflitto. Senza contare, che nei suoi primi anni di indipendenza, Juba non ha fatto funzionare i suoi fragili apparati statali per assistere la popolazione con gli introiti petroliferi.

L’embargo Usa sulle armi

Nell’intento di aumentare la pressione sul presidente Salva Kiir Mayardit per porre fine al conflitto, nella prima decade di febbraio, gli Stati Uniti avevano già adottato restrizioni contro le esportazioni di armi e di servizi di difesa in Sud Sudan. La decisione aveva fatto seguito alle ripetute violenze registrate contro civili e operatori umanitari nella nazione africana. Nel tentativo di rafforzare l’embargo, gli Usa ne hanno chiesto l’applicazione anche ai paesi confinanti con il Sud Sudan. Inoltre, l’amministrazione Trump sta esercitando pressione sul Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per imporre un blocco che coinvolga tutta la comunità internazionale, come proposto in precedenza dall’ex presidente americano, Barack Obama.

Da ricordare, che nel settembre dello scorso anno, Washington aveva anche imposto provvedimenti nei confronti di tre stretti collaboratori del presidente Salva Kiir: il generale Malek Reuben Riak Rengu, vice capo di stato maggiore dell’esercito e responsabile delle commesse militari; il ministro dell’informazione Michael Makuei Lueth; il generale Paul Malong Awan, ex capo dello staff del Movimento di Liberazione del Popolo del Sudan, il partito politico separatista fondato nel 1983 per l’indipendenza del Sudan del Sud.

I tre alti funzionari di governo si sarebbero macchiati di numerosi episodi di corruzione all’interno di un sistema di governo, che gli Stati Uniti hanno definito una cleptocrazia. Per questo, il Dipartimento del Tesoro Usa ha imposto misure restrittive anche nei confronti tre società controllate dall’ex vicepresidente Riek Machar Teny Dhurgon, a capo dei ribelli che combattono contro le forze governativee attualmente agli arresti domiciliari in Sudafrica.

Le minacce dell’Unione africana

Nuove minacce di sanzioni sono giunte anche dal presidente della Commissione dell’Unione africana, Mousa Faki Mahamat,che in occasione dell’ultimo vertice dell’organismo di Addis Abeba, ha dichiarato di «essere pronto ad applicare severe misure nei confronti dei leader del paese accusati di far deragliare il processo di pace». Tuttavia, è importante notare che la Commissione dell’Ua continua a rinviare l’istituzione di una Corte ibrida per giudicare le gravi violazioni dei diritti umani e i crimini di guerra commessi durante i quasi quattro anni e mezzo di conflitto

Da parte sua, il governo di Juba ha ripetutamente attaccato l’Unione africana e gli Stati Uniti per aver chiesto o comminato sanzioni nei suoi confronti. Alla fine di gennaio, il portavoce del ministero degli Esteri sud sudanese, Mawien Makol, ha affermato che «minacciare misure restrittive non può portare la pace nel paese, mentre è necessario l’incoraggiamento da parte delle autorità regionali, dell’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (Igad) e dei membri della comunità internazionale». Nel frattempo, la popolazione tra carestia e guerra civile è allo stremo, mentre gli sforzi diplomatici per risolvere uno dei più sanguinosi conflitti e una delle peggiori crisi umanitarie dell’Africa, finora sono valsi a ben poco.

Articolo pubblicato su Osservatorio Diritti.it

Categorie: Conflitti, Risorse energetiche | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: