Il Congo si prepara alle elezioni tra tensioni e incertezze

Dopo innumerevoli rinvii, il 23 dicembre si vota in Congo per eleggere il nuovo presidente. Per contrastare il delfino di Kabila, i due principali candidati dell’opposizione hanno siglato un’alleanza comune, che potrebbe sancire il primo trasferimento di potere democratico della storia del paese africano, ma le complicate macchine per il voto e il rifiuto di osservatori dell’Ue lasciano poco spazio alla possibilità di elezioni libere e regolari.

Il prossimo 23 dicembre saranno chiamati alle urne più di quaranta milioni di congolesi per pronunciarsi su quello che potrebbe essere il primo trasferimento pacifico e democratico di potere nella storia della Repubblica democratica del Congo. Come evidenzia un messaggio diffuso dalla Conferenza episcopale nazionale del Congo (Cenco), è determinante assicurare un voto libero e trasparentepoiché «lo svolgimento di elezioni credibili costituirebbe un valido ausilio per una vera alternanza democratica».

A ormai meno di due settimane dalle elezioni presidenziali, avviate tra mille difficoltà e innumerevoli rinvii, la campagna elettorale si sta dimostrando carica di tensione e ci sono ancora molte ombre che si addensano sulla possibilità di garantire un voto trasparente. A partire dai dieci milioni di elettori iscritti nelle liste elettorali, ai quali ancora non sono state registrate le impronte digitali.

Le controverse macchine elettroniche elettorali

Ma secondo gli osservatori locali, quello che pesa maggiormente sul corretto svolgimento delle prossime elezioni è stata la decisione della Commissione elettorale (Ceni), di autorizzare l’utilizzo di sofisticate e controverse macchine elettroniche per esprimere il voto. Questi dispositivi, prodotti dall’azienda sudcoreana Miru Systems, non garantirebbero l’immunità contro le frodi poiché non esiste alcuna garanzia sulla loro programmazione. E sarebbero anche difficili da usare per gli elettori, che in parte sono analfabeti e hanno già molte difficoltà a esercitare il voto utilizzando le usualischede cartacee e le matite copiative.

Il processo elettorale potrebbe essere anche minato dalla mancata promessa di liberare gli oppositori politici del presidente Joseph Kabila, che si trovano ancora in carcere o in esilio. Non solo, il 7 novembre, le autorità congolesi hanno arrestato nel suo ufficio di Kinshasa il giornalista Peter Tiani, direttore del noto canale di notizie online Le Vrai Journal . Mentre il giorno dopo venivano incarcerati 17dissidenti, che secondo quanto riportato dall’ong Human Rights Watch (Hrw), al momento del fermo sarebbero stati oggetto di violenze e percosse.

Questi arresti fanno parte di una più ampia campagna di repressione contro gli oppositori dei tentativi operati dal presidente Joseph Kabilaper estendere la sua presidenza, conclusa a dicembre 2016, oltre il limite dei due mandati imposto dalla Costituzione. Kabila aveva ereditato la presidenza della nazione da suo padre, Laurent-Desire, assassinato nel 2001, quattro anni dopo aver guidato un esercito ribelle per rovesciare il dittatore Mobutu SeseSeko.

Da quando, nel 2015, sono iniziate le proteste anti-Kabila sono stati arbitrariamente arrestati circa 2mila attivisti democratici dell’opposizione. La maggior parte dei quali è stata rilasciata, dopo settimane o mesi di detenzione illegale e pesanti maltrattamenti. Nel quadro generale della vigilia elettorale, non possiamo omettere di citare l’annosa crisi che ha relegato all’instabilità perenne le provincie orientali del paese, dove dallo scorso agosto è anche esplosa una nuova epidemia di ebola, che ha già provocato 280 morti.

L’accordo dell’opposizione

Mentre si avvicina il giorno in cui verrà deciso chi sarà il successore di Joseph Kabila, alla fine di novembrei due candidati dell’opposizione Felix Tshisekedi dell’Union pour la démocratie et le progrès social (Udps), e Vital Kamerhedell’Union pour la Nation Congolaise (Unc), hanno siglato un’alleanza a Nairobi.

L’accordo prevede che l’Udps e l’Unc, daranno vita a una piattaforma chiamata Cap pour le Changement (Cpc), che designa Tshisekedi, figlio del defunto storico oppositore Etienne Thsisekedi, come candidato unico e prevede che in caso di vittoria ,Kamerhe ricoprirà la carica di primo ministro. Mentre nelle elezioni del 2023 il candidato dell’alleanza sarà un appartenente all’Unc.

La nuova piattaforma politica, che sarà aperta anche ad altri schieramenti, è chiaramente mirata all’obiettivo di massimizzare il consenso per riuscire a prevalere sull’ex ministro degli Interni Emmanuel Ramazani Shadary, designato dai vertici del  Parti Populaire pour la Réconciliation et la Démocratie (Pprd) per succedere a Joseph Kabila.

La piattaforma Cpc mira a raccogliere voti sia dall’est del paese, dove l’Unc è molto forte, sia dalla parte centro-occidentale, dove è l’Udp è maggiormente radicato, anche sulla base diun sondaggio di fine ottobre condotto dalla Congo Research Group della New York University e dal Bureau d’Etudes, de Recherches et de Consulting International di Kinshasa, che assegna a Tshisekedi il 36% delle preferenze e il 17% a Kamerhe.

L’alleanza dovrebbe compensare anche il mancato accordo, che lo scorso 11 novembre siaTshisekedi che Kamerhe avevano siglato a Ginevra per sostenere la candidatura unica dell’imprenditore Martin Fayulu(dato all’8% dal sondaggio sopraindicato). Poi, il giorno seguente i due candidati hanno liquidato l’intesa di fronte al rifiuto quasi totale della base dei sette partiti dell’opposizione, che l’avevano inizialmente sostenuta. Tutto questo impegno è comunque molto importante, perché può rappresentare un fattore determinante per esortare la popolazione congolese a non accettare un’elezione fraudolenta.

A meno di due settimane dalle tanto attese elezioni, una delle domande più ricorrentiche i candidati dell’opposizione si pongono è se ci saranno violenze dopo un risultato elettorale controverso, ma soprattutto quanto dureranno? Si esauriranno dopo pochi giorni, permettendo di tornare in breve alla normalità, oppure la pressione popolare e l’attivismo degli ultimi tre anni sosteranno le proteste ad oltranza, fino a richiedere una qualche risolutiva risposta dall’esterno.

Categorie: Diritti umani, Politica | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: