Report globale: l’Africa non riesce a contrastare la corruzione

L’Indice di percezione della corruzione 2018 (Cpi) conferma che in Africa la lotta a questa piaga sociale non sta producendo risultati soddisfacenti. Su 180 paesi del mondo esaminati, solo 8 su 49 della regione sub-sahariana hanno ottenuto risultato superiore ai 43 punti relativi alla media globale. Le Seychelles, in 28esima posizione con 66 punti su 100, sono il paese meno corrotto della regione. Ultima in classifica sempre la Somalia.

Quando il primo febbraio dello scorso anno, in occasione della cerimonia d’apertura del trentesimo vertice dell’Unione africana, i leader del continente dichiararono il 2018 l’Anno africano della lotta alla corruzione, sembravano armati di ogni buona intenzione per contrastare questo flagello che produce un gigantesco spreco di risorse finanziarie e umane.

Purtroppo, l’Indice di percezione della corruzione 2018 (Cpi), pubblicato martedì dall’ong Transparency International, dimostra che la nobile iniziativa intrapresa dall’organismo di Addis Abeba non si è ancora tradotta in risultati positivi concreti. Il Cpi 2018, basato su 13 inchieste di valutazione realizzate da esperti sulla corruzione nel settore pubblico, presenta un quadro molto preoccupante per l’Africa sub-sahariana, dove solo otto paesi sui 49 esaminati hanno ottenuto un risultato superiore ai 43 punti relativi alla media globale, in una scala che assegna un punteggio da 0 (altamente corrotto) a 100 (per niente corrotto).

Da quanto emerge nella speciale graduatoria, le isole Seychelles con 66 punti su 100, si posizionano al 28esimo posto del Cpi e ottengono il primato di nazione meno corrotta del continente africano. L’arcipelago dell’Oceano Indiano è seguito nella classifica da Botswana, Capo Verde, Ruanda e Namibia, che hanno ottenuto rispettivamente 61, 57, 56 e 53 punti.

La posizione della Nigeria, che il prossimo 16 febbraio sarà chiamata a eleggere un nuovo presidente, con un punteggio di 27 rimane invariata rispetto al 2017. Così come era avvenuto nel 2015, la corruzione è uno dei maggiori temi che stannodominandola campagna elettorale.

Per questo, negli ultimi tre anni, l’amministrazione guidata dal presidente uscente Muhammadu Buhari ha intrapreso una serie di iniziative, tra cui l’istituzione di un comitato consultivo presidenziale contro la corruzione, il miglioramento del quadro giuridico e politico anti-corruzione in settori chiave come gli appalti pubblici e lo sviluppo di una strategia nazionale per contrastare il fenomeno. Tuttavia, tutti questi sforzi non hanno ancora prodotto i risultati sperati.

Nell’ultima posizione dell’indice è posizionata la Somalia, che con soli 10 punti si conferma per il settimo anno consecutivo come il paese più affetto in assoluto dalla metastasi sociale della corruzione. La nazione del Corno d’Africa è immediatamente seguita dal Sud Sudan con 13 punti, un risultato assai deludente che vede i due Stati africani, in compagnia della Siria, relegati agli ultimi due posti del Cpi.

Da segnalare, che dalla 161esima alla 172esima posizione troviamo ben otto paesi sub-sahariani: Repubblica democratica del Congo, Angola, Ciad, Repubblica del Congo, Burundi, Guinea Equatoriale, Guinea Bissau e Sudan. Mentre alcuni paesi come Burkina Faso, eSwatini eCosta d’Avorio, pur avendo migliorato i loro punteggi nel Cpi, mostrano ancora alcune criticità. C’è anche da evidenziare, che con un punteggio medio di 32, l’Africa sub-sahariana è la regione con il risultato più basso dell’indice, seguita da vicino dall’Europa orientale e dall’Asia centrale, dove si registra una media di 35.

Nel complesso, gli autori dello studio determinano che l’Africa sub-sahariana rimane una regione caratterizzata da forti contrasti politici e socio-economici, oltre ad annose sfide che minano il suo sviluppo e la sua stabilità. Mentre un cospicuo numero di paesi ha già adottato principi democratici di governance, molti altri sono ancora governati da leader autoritari e semi-autoritari. E i regimi autocratici, insieme a conflitti civili, istituzioni deboli e sistemi politici poco sensibili al problema continuano a minare gli sforzi intrapresi a livello regionale nel contrasto alla corruzione.

Il report evidenzia inoltre come le Seychelles e il Botswana, che hanno un punteggio più alto del Cpi rispetto ad altri paesi della regione, hanno alcune caratteristiche in comune. Come quella di aver saputo realizzare sistemi democratici e di governance relativamente ben funzionanti, che contribuiscono ad elevare i loro punteggi. Tuttavia, questi due paesi rappresentano l’eccezione piuttosto che la norma in una regione dove la maggior parte dei principi democratici è a rischio e la corruzione è assai elevata.

Articolo pubblicato su Nigrizia.it

Categorie: Corruzione | Tag: , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Report globale: l’Africa non riesce a contrastare la corruzione

  1. Interessante! Ottimo articolo 😉

Rispondi a Marianna Mazzone Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Cercando l’Africa vera.... il blog di Marco Cochi

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

ENDangered Peoples

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: