Ecco chi controlla veramente il potere nel Sudan post-Bashir

In Sudan, dopo l’accordo di condivisione del potere, raggiunto il 5 luglio tra il Consiglio militare di transizione (Cmt) e la coalizione di forze della società civile, il ruolo del vicepresidente del Cmt, Mohamed Dagalo “Hemeti”, e delle sue temute Forze di supporto è diventato ancora più centrale. Ecco come il potente generale sudanese del clan dei Mahariya e la sua milizia sono arrivati a esercitare così tanto potere sul paese africano.

Lo scorso 3 giugno, la transizione politica in Sudan dopo la caduta del presidente Omar El-Bashir ha rischiato di sfociare in una deriva autoritaria a causa dell’intervento delle forze di sicurezza contro alcuni civili disarmati a Khartoum, che avevano organizzato un sit-in permanente davanti al quartier generale dell’esercito per manifestare le loro rivendicazioni.

La repressione contro i dimostranti riuniti in presidio permanente ha provocato centinaia di feriti e almeno 120 morti, molti di quali sono riaffiorati dalle acque dl Nilo dove i corpi erano stati gettati nel tentativo di occultarli. La sanguinosa azione è stata operata da un gruppo paramilitare, le Rapid support forces (Forze di supporto rapido – Rsf), un’unità irregolare, assoldata dal governo di Khartoum, che durante la guerra in Darfur si rese responsabile di inaudite violenze e crimini di guerra contro gli appartenenti alle etnie non arabe Fur, Maasalit e Zaghawa.

Secondo l’esperto del Sudan Alex de Waal, questa milizia adesso rappresenta il vero potere dominante in Sudan, costituito da un ibrido di milizia etnica e capacità di fare impresa: un connubio che ha portato un’unità mercenaria transnazionale ad assumere il controllo di uno Stato. Le Rsf hanno fatto dunque molta strada da quando nel 2013 furono ufficialmente istituite con un decreto dell’allora presidente El-Bashir, anche se il loro nucleo di 5mila miliziani era già attivo molto tempo prima…

** Continua la lettura su Nigriza.it

Categorie: Politica, Sicurezza | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: