Elezioni Togo: Jean-Pierre Fabre sfiderà ancora Gnassingbé

Il principale partito d’opposizione del Togo ha selezionato il candidato per le elezioni presidenziali del 2020. Il 67enne Jean Pierre Fabre sfiderà per la terza volta Faure Gnassingbé, in carica dal 2005. Le opposizioni temono nuove tensioni sociali con l’avvicinarsi del voto e per Fabre non sarà facile porre fine a più di 52 anni di potere della dinastia Gnassingbé, che adesso beneficia del supporto del Fondo monetario internazionale.

L’Alleanza nazionale per il cambiamento (Anc), principale partito d’opposizione del Togo, ha selezionato il candidato per le elezioni presidenziali del 2020. Ancora una volta la scelta è caduta sul 67enne Jean Pierre Fabre, che ha già preso parte alle presidenziali del 2010 e 2015, ottenendo sempre il secondo posto, rispettivamente con il 33,93% e il 35,19% dei voti.

In entrambe le occasioni Fabre ha perso contro Faure Essozimna Gnassingbé, in carica dal 2005, dopo essere succeduto al padre, Étienne Eyadéma Gnassingbé, salito al potere con un golpe militare nel gennaio 1967. Da allora la dinastia Gnassingbé governa il Togo. Per questo, Fabre ha dichiarato di accettare con entusiasmo la candidatura e si è detto pronto a «continuare instancabilmente la lotta comune per la liberazione del Togo e del popolo togolese».

Il leader dell’Anc ha anche colto l’occasione per invitare il presidente a non correre per un quarto mandato, per evitare di trascinare il paese in nuova crisi politica. Sarà però molto difficile che Faure Gnassingbé accetti l’invito a farsi da parte. Soprattutto dopo che, lo scorso 9 maggio, il parlamento ha approvato una revisione costituzionale che limita il numero dei mandati presidenziali, ma senza effetto retroattivo.

Una riforma che, in pratica, consente all’attuale presidente di potersi ricandidare alle elezioni del 2020 e anche a quelle del 2025. E per non inasprire ulteriormente la situazione, dopo le proteste che dal 19 agosto 2017 alla fine di aprile 2018 hanno provocato più di venti morti e portato migliaia di togolesi nelle piazze, Gnassingbé ha dato qualche timido segnale di apertura…

** Continua la lettura su Nigrizia.it →

Categorie: Politica | Tag: | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: