Sudan, primi cambiamenti del nuovo governo di transizione

Il nuovo esecutivo sudanese guidato dal primo ministro Abdalla Hamdok ha adottato una serie di provvedimenti, che segnano un sostanziale cambiamento con le politiche repressive del regime dell’ex presidente Omar el-Bashir. Per sostenere gli sforzi del governo nel rilanciare l’economia del paese, l’Unione europea annuncia lo stanziamento di cento milioni di euro, ma la strada per riformare il paese dalle fondamenta è tutta in salita.

Sei mesi dopo l’insediamento, il gabinetto del primo ministro Hamdok lascia ben sperare sul suo operato futuro, come conferma la decisione di sciogliere il National Congress Party (Ncp), il partito dell’ex presidente el-Bashir, confiscarne i beni e vietare ai suoi membri le attività politiche per dieci anni. Ancor più importante, è stata l’abrogazione di una serie di controverse leggi sull’ordine pubblico, tra cui quella che prevedeva arresti e frustate per le donne sorprese a partecipare a feste private o a indossare i pantaloni. Una decisione che ha riconosciuto il ruolo chiave svolto dalle donne nel movimento di protesta.

Senza tralasciare, le misure varate lo scorso dicembre per promuovere la libertà religiosa della minoranza cristiana nel paese, che hanno indotto la Commissione per la libertà religiosa del Dipartimento di stato americano a rimuovere il Sudan dalla lista dei “paesi di preoccupazione particolare”, ai sensi dell’applicazione dell’International Religious Freedom Act. Mentre nel suo ultimo report sul Sudan, Human Rights Watch ha riconosciuto che le autorità di transizione hanno compiuto importanti progressi in materia di riforme per la promozione e la salvaguardia dei diritti umani, inclusa l’approvazione di progetti di legge che istituiscono commissioni per lavorare sui diritti umani e riformare la giustizia.

Su quest’ultimo punto, l’ong newyorchese sottolinea che le autorità di Khartoum dovrebbero attuare riforme organiche del sistema giudiziario per garantire che i diritti degli imputati siano tutelati in ogni fase del processo. Hrw evidenzia anche l’importanza di affrontare la discriminazione di genere rivedendo quanto prima le disposizioni in materia di tutela legale, matrimonio e eredità.

I gruppi per i diritti delle donne hanno dichiarato a Hrw di non essere stati adeguatamente o equamente rappresentati nelle istituzioni di transizione e hanno chiesto pari rappresentanza nelle nomine dei governatori statali e dei membri nel consiglio legislativo. Il nuovo governo sta inoltre adottando una serie di misure per risolvere i conflitti interni perpetuati dall’ex regime di El-Bashir, come quello del Darfur, per il quale a dicembre, il governo di transizione e i movimenti armati  hanno siglato un accordo quadro per rivitalizzare i colloqui di pace: il primo passo significativo dal 2011 verso la risoluzione definitiva del conflitto…

** Continua la lettura su Nigrizia.it

Categorie: Diritti umani, Economia, Politica | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: