Gli enigmi dei sequestri di Luca Tacchetto e padre Maccalli

Luca Tacchetto, sequestrato il 16 dicembre 2018 in Burkina Faso assieme alla compagna canadese Edith Blais, è tornato in Italia dopo essere riuscito a fuggire – approfittando di una disattenzione dei rapitori, secondo la versione ufficiale – e a raggiungere la base della missione delle Nazioni Unite in Mali (Minusma) nella città di Kidal. La rocambolesca fuga dei due giovani pone fine a un’odissea durata quindici mesi, ma lascia aperti alcuni interrogativi.

Dopo il rapimento nel sud-ovest del Burkina Faso, nei pressi della città di Bobo-Dioulasso, l’architetto padovano e la sua compagna sono stati condotti nell’area desertica del Mali, dove sono rimasti per tutta la durata del sequestro, cambiando più volte il luogo in cui erano tenuti prigionieri. Luca era partito dall’Italia in auto con Edith, conosciuta durante l’Erasmus in Canada un mese prima del loro rapimento.

Dopo aver passato lo Stretto di Gibilterra ed essere sbarcati in Marocco, si erano diretti verso sud per raggiungere il Togo, dove risiede una coppia di amici conosciuti in un precedente viaggio e ai quali il ragazzo aveva promesso un aiuto per la costruzione di un villaggio per la disagiata popolazione locale. Il lieto fine del sequestro lascia però in sospeso alcuni interrogativi, tra cui l’appartenenza del gruppo jihadista che ha operato il rapimento e gestito la lunga prigionia della coppia.

Tacchetto ha riferito al pubblico ministero di Roma e ai carabinieri del Ros che indagano sulla vicenda che il sequestro sarebbe stato operato da un gruppo vicino ad al-Qaeda. E dal trattamento che gli hanno riservato, il giovane ha dedotto che fosse un gruppo esperto, abituato a gestire situazioni del genere….

** Continua la lettura su Nigrizia.it 

Categorie: Terrorismo | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: