Covid-19, scatta l’allarme nei campi profughi dell’Africa

Nelle ultime settimane, stanno crescendo le preoccupazioni per la diffusione del nuovo coronavirus negli insediamenti di rifugiati in Uganda, Kenya, Tanzania ed Etiopia, dove sono stanziati ben quattro dei sei campi più popolosi al mondo. Le conseguenze di eventuali focolai potrebbero essere devastanti perché si tratta di campi sovraffollate e carenti di adeguati presidi igienici e sanitari, quindi spazi ideali per la trasmissione del Sars-Cov-2.

Alla base dei timori ci sono fattori di salute, in quanto molti dei profughi hanno il sistema immunitario indebolito da malnutrizione, stress elevato e malattie. Le strutture sanitarie poi, sono insufficienti, mentre i ventilatori meccanici e i letti di terapia intensiva sono quasi inesistenti. Senza contare, che, in simili contesti, il distanziamento sociale o l’isolamento sono estremamente difficili da attuare.

Una situazione che determina non poche difficoltà. Come dimostra la decisione delle autorità ugandesi di elevare il livello d’attenzione, segnalando che i rifugiati stanno sfidando le misure di sicurezza istituite per controllare la diffusione dell’epidemia. L’Uganda è al primo posto nella classifica dei paesi che ospitano il maggior numero di rifugiati nel continente e finora ha registrato solo 55 casi confermati di Covid-19.

Per continuare a tenere sotto controllo la propagazione dell’infezione ha chiuso tutti i confini e deciso di sospendere l’ingresso di rifugiati per un mese. Oltre ad annunciare di essere pronta a introdurre nuovi provvedimenti per applicare le restrizioni. Situazione difficile anche in Kenya, dove nei campi profughi di Kakuma e Dadaab, che ospitano complessivamente 411mila rifugiati, una decina di persone sono attualmente in isolamento. Si teme abbiano contratto il virus, ma non è dato sapere se siano stati sottoposti al test.

Nel campo di Kakuma i rifugiati sembrano aver accolto le misure di distanziamento sociale, come documenta un’immagine twittata dall’Unhcr che mostra i profughi ospitati nel campo fare la fila a debita distanza per ricevere il cibo. Nei sette campi nella regione di Gambella, in Etiopia – che in totale ospita circa 424 mila rifugiati, la maggior parte fuggiti dalla guerra civile che ha devastato il Sud Sudan –, l’Unhcr ha distribuito un volantino per spiegare le norme comportamentali da seguire per prevenire eventuali contagi.

Mentre Medici senza frontiere (Msf) ha lanciato l’allarme sulla diffusione del Sars-Cov-2 nei campi profughi in Tanzania, dove vivono centinaia di migliaia di persone altamente vulnerabili alle malattie infettive e con un accesso limitato ai servizi sanitari…

** Continua la lettura su Nigrizia.it 

 

Categorie: Aiuti umanitari, Salute | Tag: , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

ENDangered Peoples News

We must talk about it

The African Jihad

Unique perspectives and analyses on Africa's major terrorist organisations

Sahel-Elite (Bamako-Mali)

Intelligence. Comprehensive approach, analysis and security capabilities.Mali-Sahel Region

Omnes...oltre i confini onlus

Associazione senza fini di lucro, apartitica e laica, promuove e svolge attività di cooperazione e di educazione allo sviluppo in favore delle popolazioni in condizioni di disagio o vittime di guerra.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: