Archivio dell'autore: Afrofocus

I piani di Mosca in Africa arginati dalle sanzioni – Intervista

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersNel GR Africa settimanale a cura della redazione di Nigrizia, sono stato intervistato sugli interessi della Russia nel continente africano. In particolare, la partnership privilegiata con il Sudan, che dopo l’accordo siglato con Mosca nel gennaio 2018 ha aperto la strada alla costruzione di una base navale russa nei pressi di Port Sudan, sul Mar Rosso. Ma dopo le sanzioni occidentali inflitte alla Russia, lo scenario è destinato a cambiare. Continua a leggere

Categorie: Cooperazione militare, Interviste, Politica | Tag: , , | Lascia un commento

Le Adf non sono un satellite dello Stato islamico [Metodo]

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersÈ stato appena pubblicato il nuovo numero della Rivista scientifica Metodo (indicizzata dall’Anvur). All’interno del volume è inserito un mio contributo dal titolo “L’opaco legame tra le Adf della Rd del Congo e lo Stato islamico”, che ripercorre la genesi della wilaya dell’Isis in Africa centrale (Iscap) e i suoi reali legami con il gruppo ribelle Forze democratiche alleate, che affonda profonde radici nell’Islam radicale. Continua a leggere

Categorie: Terrorismo | Tag: , , , | Lascia un commento

La strategia militare russa in Africa si concentra sul Sudan

Sudan’s Gen. Mohamed Hamdan Dagalo - TwitterMolti paesi africani stanno mostrando una buona dose di cautela nel rivedere le loro relazioni con la Russia per proteggere i loro interessi nazionali. Lo dimostra l’astensione di ben 17 nazioni del continente, oltre al no dell’Eritrea, nell’approvazione della risoluzione votata, lo scorso 2 marzo, dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per condannare l’invasione russa dell’Ucraina. Una cautela originata dalla notevole influenza russa in Africa. Continua a leggere

Categorie: Conflitti, Diritti umani, Traffici illeciti | Tag: , , , , | Lascia un commento

Perché il palissandro è diventato l’avorio della foresta

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersIl commercio illegale del legname di palissandro è una delle attività più redditizie del mondo e colpisce gran parte del Sud-est asiatico e parti dell’Africa subsahariana. Quando, all’inizio del 2010, in Africa occidentale la domanda ha iniziato ad aumentare repentinamente, in pochi anni le esportazioni sono passate da cifre prossime allo zero a centinaia di milioni di dollari. E in breve tempo il palissandro è diventato l’“avorio della foresta”. Continua a leggere

Categorie: Ambiente, Traffici illeciti | Tag: , , , | Lascia un commento

Aumentano le vittime civili della violenza jihadista in Africa

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersNell’ultima decade l’Africa ha sperimentato un costante aumento della violenza islamista, con un nuovo record registrato nel 2021 dovuto all’incremento del 70% degli attacchi portati a termine dai gruppi jihadisti attivi nella cintura del Sahel, nonostante la corposa presenza militare straniera dispiegata. Negli ultimi anni, tale escalation è stata caratterizzata da una crescente ondata di violenza contro la popolazione civile. Continua a leggere

Categorie: Terrorismo | Tag: , , , , | Lascia un commento

La minaccia di al-Shabaab su Mogadiscio [Formiche]

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersIl nuovo numero della Rivista Formiche ha dedicato la sezione Esteri all’“Enigma somalo” nel quale sei articoli esaminano le minacce interne ed esterne al paese. Tra i sei scritti c’è anche un mio contributo dal titolo “La minaccia di al-Shabaab su Mogadiscio”, nel quale ricostruisco l’evoluzione dell’insorgenza del gruppo affiliato ad al-Qaeda e l’attività della missione Amisom, da inizio 2007 presente nel paese del Corno d’Africa. Continua a leggere

Categorie: Terrorismo | Tag: , | Lascia un commento

Sambisa: l’ultimo bastione dei jihadisti di Boko Haram

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersIn Nigeria è tornata alla ribalta delle cronache la città di Chibok, nello Stato di Borno, dove otto anni fa un commando di Boko Haram rapì 276 studentesse, che frequentavano un liceo locale. Un sequestro che suscitò l’indignazione di tutto il mondo, culminata con il lancio della campagna digitale su Twitter #‎BringBackOurGirls, sostenuta dall’allora first lady statunitense Michelle Obama che raccolse centinaia di migliaia di adesioni. Continua a leggere

Categorie: Terrorismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Cosa accadrà in Mali dopo le ferree sanzioni dell’Ecowas?

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersLa Comunità economica degli stati dell’Africa occidentale (Ecowas) il 16 gennaio ha emanato una serie di dure sanzioni contro il Mali, che impongono la chiusura delle frontiere terrestri e aeree con gli altri paesi appartenenti al blocco regionale, l’interruzione degli aiuti finanziari, l’embargo commerciale, il divieto di viaggio e il congelamento dei beni dei membri dell’autorità di transizione nelle banche degli Stati Ecowas. Continua a leggere

Categorie: Politica | Tag: , , , | Lascia un commento

Gli Usa devono ripensare la loro politica nel Corno d’Africa

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersDopo il suo insediamento, l’amministrazione Biden si è impegnata a voltare pagina in politica estera, in controtendenza con i quattro anni della presidenza di Donald Trump, tutti incentrati nel protezionismo e nell’isolazionismo all’insegna dell’“America first”, nel respingimento delle istituzioni multilaterali e nelle critiche all’Alleanza atlantica. Tuttavia, un anno dopo il nuovo approccio di relazioni internazionali non ha funzionato. Continua a leggere

Categorie: Politica, Sicurezza | Tag: , , | Lascia un commento

Darfur: un anno dopo il ritiro dell’Unamid infuria la violenza

Image Border Editor: https://www.tuxpi.com/photo-effects/bordersIl Darfur, regione situata nell’ovest del Sudan e grande quanto la Francia, è stata teatro di un lungo conflitto a bassa intensità scoppiato nel febbraio 2003 tra i janjaweed, miliziani arabi di origine nomade appartenenti alle locali tribù nomadi dei baggara, minoritarie nell’area ma maggioritarie nel resto del paese africano, e la popolazione nera non baggara della regione (principalmente composta da tribù dedite allagricoltura). Continua a leggere

Categorie: Conflitti | Tag: , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Farfalle e trincee

Viaggi e Storie sulla Via della seta

Café Africa

Conversations on a continent to be known